Vai al Contenuto - Sitemap
Palazzo di Giustizia

Gratuito Patrocinio

Patrocinio a spese dello Stato

Il patrocinio a spese dello Stato, detto comunemente “gratuito patrocinio” è l’istituto che garantisce a tutti i non abbienti, sia essi cittadini o stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale, la possibilità di essere rappresentati in giudizio da un avvocato, che sarà pagato dallo Stato, a condizione che le pretese del richiedente non risultino manifestamente infondate.

Il patrocinio a spese dello Stato è assicurato nel processo penale, civile, amministrativo, contabile e tributario; nelle procedure di volontaria giurisdizione, come ad esempio nelle separazioni consensuali o nei divorzi congiunti, ecc.

L’ammissione al gratuito patrocinio è valida per ogni grado del processo e per tutte le procedure connesse e derivate.

REQUISITI OGGETTIVI:
Per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a € 11.746,68 (D.M. 23.7.2020  pubblicato G.U. 30.1.2021).
Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante.
Eccezione: si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi (es. si tiene conto del solo reddito personale di ciascun coniuge se oggetto del procedimento è una separazione o un divorzio)

Possono richiedere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato:

  • i cittadini italiani
  • gli stranieri, regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale al momento del sorgere  del rapporto o del fatto oggetto del processo da instaurare
  • gli apolidi
  • gli enti o associazioni che non perseguano fini di lucro e non esercitino attività economica.

L'ammissione può essere richiesta in ogni stato e grado del processo ed è valida per tutti i successivi gradi del giudizio. Se la parte ammessa al beneficio rimane soccombente, non può utilizzare il beneficio per proporre impugnazione.

NEL PROCESSO CIVILE l’ammissione è deliberata dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del luogo ove è competente territorialmente il magistrato.

L’istanza di ammissione al patrocinio deve essere redatta in carta semplice e deve contenere determinati requisiti previsti dalla normativa a pena di inammissibilità.

Al riguardo è disponibile sul sito dell’Ordine degli Avvocati di Perugia l’apposito modulo, che va compilato, sottoscritto e presentato presso la Segreteria unitamente a copia di un documento di identità dell’interessato.

NEL PROCESSO PENALE l’ammissione è deliberata dal magistrato competente per il giudizio.

NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO l’istanza va depositata presso l’apposita commissione “per il patrocinio a spese dello Stato” istituita presso ogni Tribunale Amministrativo Regionale.

NEL PROCESSO TRIBUTARIO l’istanza va depositata presso l’apposita commissione “per il patrocinio a spese dello Stato” istituita presso ogni Commissione Tributaria.

Colui che è ammesso al patrocinio a spese dello Stato può nominare UN SOLO difensore, scelto tra coloro che sono iscritti nell’apposito elenco degli Avvocati per il Patrocinio a spese dello Stato, istituito presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati.

Copia del provvedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, unitamente alla copia dell’istanza del richiedente, viene trasmessa da parte del Consiglio dell’Ordine all’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, ai fini del controllo della veridicità dei dati reddituali dichiarati dall’istante ai fini dell’ammissione.

Si richiama l’attenzione sull’art. 125 del D.P.R. 115/2002 secondo cui: “Chiunque al fine di ottenere o mantenere l’ammissione al patrocinio, formula l’istanza corredata dalla dichiarazione sostitutiva di certificazione, attestante falsamente la sussistenza o il mantenimento delle condizioni di reddito previste, è punito con la reclusione da 1 a 5 anni e con la multa da €. 309,87 a €. 1.549,37. La pena è aumentata se dal fatto consegue l’ottenimento o il mantenimento dell’ammissione al patrocinio; la condanna importa la revoca con efficacia retroattiva e il recupero a carico del responsabile delle somme corrisposte dallo Stato. Le pene previste al comma 1 si applicano nei confronti di chiunque, al fine di mantenere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, omette di formulare le comunicazioni di cui all’art. 79, comma 1, lettera d.”

Ulteriori informazioni sono fornite dallo sportello istituito presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia.

Normativa di riferimento: D.P.R. 30 MAGGIO 2002 n. 115 e succ. modifiche.

Istanze

Si comunica che a partire dal 24 ottobre 2016, le istanze di ammissione al patrocinio a spese dello Stato per i procedimenti di natura civile dovranno essere presentate dai difensori delle parti al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia telematicamente mediante il programma “Riconosco”, utilizzando le proprie credenziali di accesso.
Completata la procedura su web, l’istanza va stampata, fatta firmare dall’interessato e successivamente, inviata - unitamente agli allegati - alla Segreteria dell’Ordine, previa firma digitale dell’Avvocato.
Si precisa che i documenti vanno caricati sulla piattaforma web in formato .pdf e di dimensione non superiore ai 20Mb (al riguardo si consiglia una scansione non inferiore a 150 dpi e non superiore a 200 dpi).
Tale modalità di invio sostituirà completamente la consegna cartacea.
In ogni caso, per eventuali problematiche che dovessero insorgere nell'utilizzo della piattaforma è stato attivato un supporto tecnico, contattabile mediante posta elettronica ordinaria all’indirizzo helpdeskiscritti@dcssrl.it.

Gli Avvocati non appartenenti al foro di Perugia, al fine di ottenere le credenziali di accesso alla piattaforma web, devono inviare la relativa richiesta all' indirizzo: segreteria@ordineavvocati.perugia.it indicando i propri dati:
cognome nome; data e luogo di nascita; codice fiscale; ordine di appartenenza; indirizzo pec.

*****************************************************
Iscrizione a ruolo ricorso ex D.lgs. 150/2011 "Rifugiati"
Su segnalazione della Cancelleria Civile del Tribunale di Perugia, si comunica agli Iscritti che il codice fiscale corretto della Commissione Territoriale da inserire in sede di compilazione della nota di iscrizione a ruolo del ricoso per il riconoscimento dello status di rifugiato è il seguente: 94157990543.
Onde evitare inconvenienti alla Cancelleria in fase di comunicazioni alle parti ed in fase di invio del provvedimento conclusivo, si invitano gli Iscritti prestare maggiore attenzione.

Per i cittadini extra Unione Europea

L'art. Art. 79 comma 2 D.P.R. 15/2002  prevede che per i redditi prodotti all'estero, il  cittadino  di  Stati  non appartenenti   all'Unione   europea   correda   l'istanza   con   una certificazione dell'autorita' consolare competente,  che  attesta  la veridicita' di quanto in essa indicato.

La Corte Costituzionale, con sentenza 10 giugno - 20  luglio  2021, n.  157  (in  G.U.  1ª  s.s.  21/07/2021,  n.  29),   ha   dichiarato "l'illegittimita' costituzionale dell'art. 79, comma 2,  del  decreto del Presidente della Repubblica  30  maggio  2002,  n.  115,  recante «Testo  unico  delle  disposizioni  legislative  e  regolamentari  in materia di spese di giustizia (Testo A)»,  nella  parte  in  cui  non consente al cittadino di Stati non appartenenti  all'Unione  europea, in caso di impossibilita' a presentare la documentazione richiesta ai sensi dell'art. 79, comma 2, di produrre, a pena di inammissibilita', una dichiarazione sostitutiva di tale documentazione.

Si pubblica il modello di dichirazione sostittiva di certificazione che i cittadini extra UE devono allegare all'istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato in caso di non disponibilità della certificazione consolare.

 

Elenco Avvocati

D.M. Giustizia del 15 luglio 2015 compensazione crediti spettanti agli Avvocati

D.M. Giustizia 16/1/2018 Adeguamento dei limiti di reddito per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato

Protrocinio a spese dello Stato nelle controversie transfrontaliere

Per accedere direttamente alla sezione dedicata al patrocinio a spese dello Stato nelle controversie transfrontaliere, presente nel portale "Atlante Giudiziario Europeo in materia civile" cliccare sul seguente link:
https://e-justice.europa.eu/content_legal_aid-390--maximize-it.do

 

ULTIME 5 NEWS INSERITE

05-10-2022 Risultati operazioni elettorali per il rinnovo del componente per il Distretto di Perugia del Comitato dei Delegati Cassa Forense

Si pubblicano i risultati delle operazioni elettorali effettuate per il rinnovo del Delegato Cassa Forense per il Distretto di Perugia (quadrienno 2023-2026)

Commissione Elettorale
Circondariale

 

Votanti

Lista n. 1
Avv. Maurizio
Lorenzini

Lista n. 2
Avv. Michele Bromuri

Schede Bianche

Schede Nulle

PERUGIA

922

350

555

7

10

TERNI

180

90

89

0

1

SPOLETO

131

50

81

0

0

TOTALE VOTI

 

490

725

 

 

04-10-2022 Tribunale di Perugia: modifica sito internet del Tribunale di Perugia - servizio di pubblicità legale

04-10-2022 Notiziario Procura Generale e Corte di Appello di Perugia: numero VIII ottobre 2022

03-10-2022 Tribunale di Perugia: Decreto interministeriale 22.6.2022 n. 128 - Procedure di eredità giacente - comunicazione dati all'Agenzia del Demanio

03-10-2022 Sportello previdenziale con il delegato Cassa Forense per il Distretto dell'Umbria: 10 ottobre 2022

Si comunica che lunedì 10 OTTOBRE 2022  dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso la sede operativa dell’Ordine degli Avvocati di Perugia, sita in Via Baglioni, 10 Piano 1, l’Avv. Michele Bromuri, quale Delegato Cassa Forense per l’Umbria, unitamente alla Dott.ssa Loredana Brunetti, svolgerà il servizio dello sportello previdenziale per tutti gli iscritti del Distretto.
Per esigenze organizzative si invitano gli interessati ad  inviare una mail, specificando il quesito, a segreteria@ordineavvocati.perugia.it